Fauna - Flora e Fauna in Agriturismo - Scopri le Attività la Flora e la Fauna in Tutto Agriturismi

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Animali e Fauna in Agriturismo: la Mucca

Pubblicato da in Fauna ·

La Mucca




Classe: Mammalia
Ordine: Artiodactyla
Famiglia: Bovidae
Sottofamiglia: Bovinae
Genere: Bos
Specie: Bos taurus

Il bue domestico, nome originario Bos Taurus, comunemente "bue", è
un mammifero artiodattilo, la cui femmina si chiama Vacca o Mucca.

La femmina del bue domestico
è allevata per il latte, molto usato nell'alimentazione umana come bevanda e come materia prima per ricavare formaggio, panna, burro, ricotta e altro.

I maschi entro il primo anno di vita si chiamano vitelli e vengono allevati principalmente per la carne.

Prima della meccanizzazione agricola, i buoi erano
utilizzati come forza motrice per macchine agricole e mezzi di trasporto.
Il letame e i liquami dei buoi sono un ottimo fertilizzante.


Descrizione inviata da Enzo





Animali e Fauna in Agriturismo: la Capra

Pubblicato da in Fauna ·

La Capra



Classe: Mammalia
Ordine: Artiodactyla
Famiglia: Bovidae
Sottofamiglia: Caprinae
Genere: Capra
Specie: hircus

La capra e la pecora sono animali addomesticati da tempo immemore, non appena l'uomo si rese conto di quanto fosse redditizio allevare un tipo di animale che fornisse carne e latte (sia da bere che per la caseificazione), lana e pelle.

Le capre si adattano anche a condizioni di allevamento difficili e a pascoli poveri; infatti, il fabbisogno alimentare di una capra è
un decimo di quello di una mucca, con una produzione di latte superiore.

Si nutrono anche di apici dei rami e arbusti e germogli, per cui lallevamento della capra si sviluppa in zone di montagna e collina, mentre le aziende di pianura prevedono allevamenti in grandi stalle. Lallevamento caprino è un valido sistema di difesa del territorio montano e collinare perchè la capra contribuisce a tenere puliti i boschi, a liberare i pascoli dalla flora arbustiva e a consumare lerba dei pascoli evitando la formazione di uno stato di erba secca. Inoltre, permette la sopravvivenza delluomo nelle aree piùmarginali e svantaggiate.

Descrizione inviata da Enzo




Animali e Fauna in Agriturismo: le Oche

Pubblicato da in Fauna ·



Classe: Uccelli
Sottoclasse: Neognati
Ordine: Anseriformi
Famiglia: Anatidi

Le oche interessate all'allevamento domestico sono Anser e Cygnopsis.
L'allevamento dell'oca è
praticato dall'antichità in Mesopotamia, in Egitto e nell'Asia orientale.
Se paragonata all'anatra, l'oca
è più pesante e più goffa, con piumaggio più abbondante e morbido. Il loro verso è rauco e sgradevole.

L'oca si presenta con testa e occhi piccoli, becco lungo e robusto, collo lungo e corpo tozzo, ali lunghe, zampe robuste.
Il maschio di oca
è più aggressivo e la sua voce più alta e acuta di quella della femmina.
Per quanto riguarda il peso, l'oca comune pesa circa 5-6 kg, anche se in alcune razze da carne e da fegato gli adulti pesano 8-10 kg.

Le oche possono essere classificate in:
- oche selvatiche e ornamentali;
- oche domestiche da reddito.

Le oche sono erbivore, ma si nutrono anche di mais bietole, carote e radici.
Solitamente i branchi di oche sono formati da un quarto di maschi e tre quarti di femmine.

Il numero di uova deposte dall'oca non
è molto elevato, se si esclude la razza Romagnola, che può deporre 100-110 uova all'anno.

Descrizione inviata da Ilaria




Animali e Fauna in Agriturismo: la Pecora Sarda

Pubblicato da in Fauna ·

Pecora sarda



Origine: Italia
Attitudine: latte

La pecora sarda è
una razza italiana autoctona della Sardegna e poi diffusa in tutta l'Italia centrale. Probabilmente deriva dal muflone selvatico dei monti del Gennargentu. La razza Sarda è rustica e molto produttiva, poco adatta alla produzione di carne e di lana, fornita in modeste quantità e di qualità poco pregiata.

Ha una taglia media, dal profilo diritto, con orecchie medio-piccole, mobili, orizzontali. I maschi hanno, a volte, corna poco sviluppate. Per quanto riguarda l'altezza media, al garrese i maschi misurano 71cm e le femmine circa 63cm.
Il peso medio
è di circa 60 kg per i maschi e 42 kg per le femmine.

Descrizione inviata da Toni



Animali e Fauna in Agriturismo: la Gallina Padovana

Pubblicato da in Fauna ·

Gallina Padovana



Origini: Polonia o Italia

La Gallina Padovana è un'antica razza italiana, anche se, secondo Darwin, la gallina padovana sarebbe originaria della Polonia e poi giunta in Italia nel 1300. Probabilmente, questa razza si intreccia anche con la gallina olandese. La decadenza della razza Padovana è
iniziata già nel XIX secolo. Si tratta di una razza ornamentale che va bene anche per l'allevamento da reddito, essendo grande produttrice di uova grosse (50-60 grammi dal guscio bianco).

La maturit
à sessuale viene raggiunta a 6-7 mesi nei maschi e a 5-6 mesi nelle femmine.
E' un pollo leggero, elegante, vivace ed ornamentale, con corpo mediamente lungo e posizione eretta, con ciuffo voluminoso e barba molto sviluppata.
Il becco è forte, leggermente arcuato, con narici molto ingrossate.
Gli occhi sono grandi, rotondi, vivaci. La faccia
è generalmente rossa, ricoperta da barba che nasconde anche gli orecchioni.

Nel gallo, il ciuffo
è pieno e a forma di globo, con le penne strette e appuntite penne che ricadono sulla testa di dietro e lateralmente. Nella gallina, il ciuffo grande si presenta con forma sferica. Le ali sono mediamente lunghe, orizzontali ed aderenti al corpo, con una coda piena e semiaperta. Le zampe sono mediamente lunghe e ben impiumate.
Per quanto riguarda il peso, il gallo varia dai 2 ai 2,3 Kg, mentre la gallina da 1,7 a 2 Kg.

Le colorazioni principali sono argento orlata nero, bianca, blu orlata, bamoscio orlata bianco, brigio perla, nera, oro orlata nero, sparviero, tricolore.


Descrizione inviata da Raffaella



Animali e Fauna in Agriturismo: le Anatre Selvatiche e Domestiche

Pubblicato da in Fauna ·

Anatre selvatiche e domestiche



Classe: Uccelli
Sottoclasse: Neognati
Ordine: Anseriformi
Famiglia: Anatidi

Le anatre selvatiche e domestiche si presentano con becco schiacciato e largo, provvisto di lamelle trasversali per filtrare l'acqua e la melma durante la ricerca del cibo. Si nutrono di erba e bacche acquatiche.
Le zampe sono corte e i piedi hanno quattro dita, con le anteriori palmate. Acquatici e ottimi volatori, gli anseriformi sono una specie migratoria che vive in gruppo. Il piumaggio è
reso impermeabile da una ghiandola che produce grasso.

Ci sono circa 150 specie, anche se il numero aumenta costantemente grazie alle specie ibride create dall'uomo.
La taglia delle anatre varia dai 30 ai 160 cm e molte di loro presentano un forte dimorfismo sessuale. Quasi tutte sono monogame se vivono in libertà, mentre in cattività n maschio necessita di più femmine.

Oltre alle anatre, appartengono alla famiglia Anatidi anche oche e cigni.
Le Anatre domestiche rappresentano una fonte di reddito per la carne, le uova e il fegato, e solitamente vengono cacciate o fungono da ornamento.
L'allevamento delle anatre ha dei vantaggi rispetto a quello di altri volaltili, poich
è le anatre sono uccelli molto tranquilli, non razzolano e non danneggiano i giardini, ma li puliscono da larve, insetti, molluschi e zanzare. L'alimentazione delle anatre è molto semplice, poichè basta il pasto mattutino e un po' di grano la sera.
Crescono molto rapidamente e non c'
è grande differenza tra maschi e femmine. Sono animali molto resistenti alle intemperie, al freddo, agli sbalzi di temperatura e possono ripararsi in capanne di legno con pareti e copertura di paglia.
Inoltre, l'anatra
è immune da molte malattie, escluse colera e polmonite. Le anatre producono la stessa quantità di uova delle galline(addirittura in un anno possono produrre una quantità di uova che supera fino a 12 volte il suo peso).
L'uovo di anatra non viene usato in modo diretto, ma largamente utilizzato in pasticceria e nella produzione di pasta alimentare.


Descrizione inviata da Eugenio



Animali e Fauna in Agriturismo: il Coniglio Gigante

Pubblicato da in Fauna ·

Coniglio gigante



Razza: Conigli
Tipologia: Gigante
Origine: Patagonia

Il peso della razza di conigli giganti ha varia tra i 5,5 e gli 8 kg.
Il tronco può
arrivare a misurare 64 cm, considerando alcuni esemplari che superano i 90 cm. Originario della Patagonia, il coniglio gigante è stato selezionato e migliorato nelle Fiandre, in Belgio.

Solitamente, la femmina
è più grande del maschio. Entrambi i sessi hanno arti robusti e muscolosi, petto e torace molto ampi e spalle larghe. Le orecchie si presentano a "V" e sono lunghe almeno 16 cm. La pelliccia è folta, soffice e brillante. La colorazione varia dal grigio con diverse tonalitа al nero, dal blu al fulvo.

Descrizione inviata da Enzo



Animali e Fauna in Agriturismo: il Tacchino comune e selvatico

Pubblicato da in Fauna ·

Tacchino comune e selvatico



Nome latino: tacchino comune Meleagris gallopavo e tacchino selvatico Meleagris gallopavo silvestris Viellot
Classe: Uccelli
Ordine: Galliformi
Famiglia: Meleagridi
Genere: Meleagris
Specie: gallopavo

Il tacchino comune,
originario dell'America del Nord, era animale selvatico e viveva in foreste vergini ai confini con le praterie e le radure. Si nutriva di bacche, insetti, larve, semi, germogli.

La testa e la cute sono prive di penne, rosso pallido con sfumature azzurre e verruche rosso intenso. All'altezza della gola c'
è un bargiglio di colore rosso pallido, sul petto c'è il pennello formato da un insieme di setole nere lungo fino a 15 cm nel maschio. La coda ha circa 18 penne larghe che possono essere portate aperte a ventaglio o ruota.

I tacchini domestici derivano dalla prima razza originaria messicana e furono importati in Spagna e poi in tutta Europa.

Il tacchino ocellato


Il tacchino ocellato appartiene a genere e specie diversi dal tacchino comune, poich
è ha origine in Messico, Yucatan e Guatemala. La razza ocellata è leggermente più piccola degli altri tacchini e arriva fino a 8 kg. La livrea ha una colorazione dal nero al verde-bruno allazzurro al color rame e oro. Manca il pennello e lo sperone è molto sviluppato.

Seppur si parli di 7 razze di tacchini domestici, oggi nelle produzioni industriali si parla di incroci industriali o ibridi commerciali.

Descrizione inviata da Ilaria



Precedente
Flora e Fauna
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu